Logo Regione FVG

MalAb - Gruppo Interistituzionale contro la violenza ai minori

Il MalAb è un gruppo specialistico nato a Trieste nel 1998 per contrastare il maltrattamento e l'abuso verso i minori (da cui il suo nome).
Il gruppo è costituito da personale distaccato a tempo parziale dall'ASUI di Trieste, dal Comune di Trieste e dall'Ospedale Infantile: due assistenti sociali, tre psicologi/psicoterapeuti, consulenze mediche (pediatra dell'Ospedale Infantile, ginecologa, neuropsichiatra infantile) ed educative.

Il Gruppo di operatori ha ricevuto una formazione specialistica con formatori nazionali ed europei. Dal 2000 dispone di una sede attrezzata, in via Giusti, con specchio unidirezionale, per l'osservazione video-registrata del bambino e /o delle relazioni familiari, che viene utilizzata anche per le procedure giudiziarie in cui sono coinvolti i minori.
Le finalità del Gruppo specialistico sono:

  • garantire la diffusione delle conoscenze necessarie a prevenire il fenomeno, a farlo individuare precocemente attraverso azioni formative;
  • tutelare i minori vittime, ed evitare che nel percorso (assistenziale e giudiziario) seguente alla rilevazione e denuncia eventuali disfunzioni nelle procedure dei diversi servizi possano tradursi in ulteriori stress per il minore.

Il MalAb ha inoltre funzioni di consulenza ai servizi e alle istituzioni, di presa in carico dei minori vittime di violenza, di formazione e informazione.

La segnalazione non è una denuncia, non c'è rischio di querela, ed è obbligatoria per legge.

La gravità e la complessità della tematica, con numerose implicazioni sui diversi livelli di intervento psico-sociale, sugli aspetti deontologici e giuridici, sulle resistenze degli stessi operatori a "pensare l'impensabile" sono tutti aspetti che richiedono personale con competenza specifica, stabile, in grado di lavorare coordinandosi con i servizi territoriali ma anche con le autorità giudiziarie. Il maltrattamento e l'abuso infatti, oltre ad essere comportamenti patologici e patogeni sono anche comportamenti criminosi, il che comporta un intervento non solo psico-sociale, di terapia e di tutela del minore, ma anche un intervento giudiziario che non si limita ai provvedimenti civili del Tribunale Minorenni per la tutela del minore, ma anche a procedimenti penali, che perseguono l'adulto autore del reato.

 

dove siamo

vedi mappa
Visualizza
la posizione sulla mappa
vedi mappa

contatti

sede

Via Nordio 15
34125 Trieste (TS)

Pianoterra

indicazioni stradali  (il link apre una nuova finestra)

cosa facciamo

Obiettivi del Progetto interistituzionale:

  • una puntuale presa in carico del minore in situazione di grave pregiudizio, con la definizione di prassi operative tra i servizi (sociali, sanitari, scolastici, della giustizia), in un'ottica di integrazione degli interventi;
  • la formazione degli operatori per l'acquisizione di informazioni e conoscenze nell'ambito della propria specificità professionale, per favorire a livello distrettuale una maggiore competenza nell'affrontare la problematica dell'abuso sessuale e del maltrattamento grave;
  • la raccolta di dati sul fenomeno dell'abuso sessuale e maltrattamento grave;
  • l'attuazione del Progetto è demandata al gruppo specialistico, costituito nel 1999 con personale distaccato a tempo parziale dall'ASS n. 1 "Triestina" e dal Comune di Trieste (assistenti sociali, psicologi/psicoterapeuti, educatrice, personale amministrativo). Il gruppo dispone inoltre di consulenze (pediatra ed assistente sociale del Pronto Soccorso dell'Ospedale Infantile Burlo-Garofolo).

Attività del gruppo specialistico:

  • prendere in carico situazioni di maltrattamento grave e/o abuso sessuale che coinvolgono minori sia come vittime che come autori;
  • garantire la diffusione delle conoscenze necessarie a prevenire il fenomeno e a farlo individuare precocemente;
  • tutelare i minori vittime ed evitare nel percorso assistenziale e giudiziario (dopo la rilevazione e conseguente denuncia) che eventuali disfunzioni nelle procedure dei diversi servizi, possano tradursi in ulteriore pregiudizio per il minore.

 

Per saperne di più

Strutture collegate

Top